COMPILA IL FORM PER INVIARE UNA MAIL

Ti segnaliamo che i campi evidenziati con un asterisco sono obbligatori *
MESSAGGIO

INCENTIVI AUTO ELETTRICHE 2022: QUANDO PARTONO E COME FUNZIONANO

È stato emanato di recente il decreto sui nuovi incentivi per l’acquisto di auto, moto e scooter a basse emissioni. Vediamo in cosa consistono e quali opportunità offrono alle imprese che propongono soluzioni per la ricarica.

Redazione 4 minuti


L’Ecobonus è la misura promossa dal Ministero dello Sviluppo Economico  per l’acquisto di veicoli a ridotte emissioni. È destinata principalmente alle persone fisiche, ma è utile sapere che c’è una quota di finanziamenti a disposizione delle compagnie di car sharing e anche le Piccole e Medie Imprese possono sfruttarla solo per i veicoli commerciali.

INCENTIVI AUTO 2022

A supporto dell’iniziativa il governo ha messo sul piatto 650 milioni di euro l’anno per i prossimi tre anni. In particolare, per quest’anno, i fondi sono stati ripartiti secondo il seguente schema:

Per l’acquisto di auto di categoria M1 (automobili destinate al trasporto di persone):

- 220 milioni di euro per la fascia 0-20 g/km di CO2 (le auto elettriche)

- 225 milioni di euro per la fascia 21-60 g/km di CO2 (le auto ibride plug - in)

- 170 milioni di euro per la fascia 61-135 g/km di CO2 (le auto endotermiche a basse emissioni).

INCENTIVI AUTO 2022 QUANDO ARRIVANO

Gli incentivi si applicano alle auto acquistate tra il 16 maggio e il 31 dicembre 2022, salvo esaurimento dei fondi disponibili. Il Ministero dei Trasporti ha riaperto dal 25 maggio (qualche giorno dopo l’entrata in vigore del decreto) la piattaforma ecobonus.mise.gov.it, dove i concessionari e i rivenditori possono prenotare i contributi per i contratti di vendita di veicoli ammessi a godere dei benefici.

L’IMPORTO DEI CONTRIBUTI

Anche i contributi per ogni singolo acquisto variano a seconda del tipo di emissioni: ad esempio per l’acquisto di auto elettriche con un prezzo fino a 35.000 euro più IVA, il contributo è di 3.000 euro, a cui si possono aggiungere 2.000 euro se contestualmente viene rottamato un veicolo inquinante, ovvero con classe inferiore a Euro 5.

Se si acquistano veicoli ibridi plug-in (quelli con emissioni nella fascia di 21 - 60 g/km) il tetto di spesa sale a 45.000 euro più IVA, ma il contributo scende a 2.000 euro. Anche in questo caso la rottamazione di un veicolo inquinante aggiunge altri 2.000 euro di incentivi.

Come visto ci sono contributi anche per le auto con motore endotermico nella fascia di emissioni 61-135 g/km (valori nei quali rientrano anche alcuni tipi di mild hybrid e full hybrid): il tetto di spesa è fissato a 35.000 euro più IVA, e il contributo è di 2.000 euro ma è possibile accedervi solo con la contestuale rottamazione di un'auto inquinante.

Per motocicli e ciclomotori sono stati stanziati 25 milioni (10 per i mezzi non elettrici e 15 per quelli elettrici) ma sono andati esauriti in brevissimo tempo. 10 milioni di euro, infine, sono destinati ai veicoli commerciali di categoria N1 e N2.

QUALI OPPORTUNITÀ PER I FORNITORI DI SOLUZIONI INTEGRATE

Con questi incentivi i consumatori sono invogliati ad acquistare auto elettriche, in particolar modo quelle ibride plug-in e quelle 100% elettriche.

La mobilità elettrica è ancora piuttosto “acerba” e spesso i consumatori finali vengono informati in maniera un po’ confusa sui costi e sulle opportunità di ricarica. Queste vetture hanno, infatti, il vantaggio di poter essere ricaricate tramite una comune presa nel garage di casa, ma ben presto anche gli acquirenti meno esperti scoprono i vantaggi di avere una wallbox dedicata e magari collegata a un impianto a pannelli solari. È quindi lecito aspettarsi una importante crescita della domanda per quanto riguarda postazioni di ricarica casalinghe, centraline di controllo, ed eventualmente impianti solari. Estremamente interessante inoltre il caso in cui i punti di ricarica si trovino all’interno di condomini e vadano quindi integrati con gli impianti esistenti.  

È fondamentale, specialmente per le aziende che si occupano di efficientamento energetico, cogliere l’occasione e proporsi come consulenti, magari realizzando materiale informativo chiaro ed esaustivo in grado di spiegare i vantaggi delle soluzioni più evolute alla nuova clientela.

Errore nell'invio della richiesta.
Per favore riprovare più tardi!
Se l'account è antecedente il 2018,
si prega di effettuare una nuova registrazione
 
Se è già stato effettuato un accesso tramite login Social
utilizzare lo stesso tipo di login per accedere.
Grazie!
La tua richiesta è stata inviata con successo